Se vi aspetta la ricetta classica per la preparazione del lievito madre, per dovere di cronaca vi dico subito che siete nel posto sbagliato!

Potevo uniformarmi alla massa?! Certo che no!

Mi serviva la mia versione, con le mie farine e senza miele, lo so, anche se è uno zucchero ha un sacco di proprietà benefiche, ecc… ma non mi piace assolutamente (e ho il suocero apicoltore, ndr!).

Quindi tanto valeva provare modificando la ricetta originale a piacere mio, poi se veniva fuori qualcosa di buono avrei spifferato tutto!

E così ispirata un po’ da libro di Franci Berrino (che trovate qui se volete sbirciare), e un po’ dalla mia fantasia ecco qua la mia versione del lievito madre!

Ingredienti:

150 g Farina tipo 2

75 g acqua.

1-Mescolo, faccio la palla la metto in un barattolo e copro con un panno umido… (e incrocio le dita!).

Lievito madre

Fine, la nostra storia è iniziata così, in modo semplice.

Ma il procedimento è lungo, quindi passiamo agli step successivi:

2-Il primo rinfresco avviene dopo 48 ore di permanenza tranquilla e indisturbata nel barattolo:

prendo la mia palla, che deve essere un pochino cresciuta, levo la crosta che si forma in superficie, peso e diluisco nella metà del peso di acqua (quindi se la pasta madre è 200g aggiungo 100g di acqua), e poi aggiungo lo stesso peso della pasta madre in farina nuova.

Mescolo, faccio la palla, la incido e di nuovo nel barattolo con panno umido per 48 ore.

Lievito madre primo rinfresco

3- Dopo altre 48 ore siamo al rinfresco numero 2:

stesso procedimento dell’1.

3-Aspetto ancora 48 ore e passo al rinfresco numero 3:

uguale al 2.

Siamo arrivati dunque al giorno 7.

Adesso da qui al giorno 14 procederemo con il rinfresco tutti i giorni, con le solite modalità!

Se diventa troppo potete dividerlo o tenere la parte che ritenete giusto, sarà importante semplicemente rinfrescarlo con le modalità descritte nel passaggio 1.

Il mio ha subito anche un cambio di farina, finita la 2, qui non sono più riuscita a trovarla e sono passata alla 1, ciò non ha comportato nessuna alterazione.

Una volte arrivati al giorno 14 possiamo chiudere il barattolo con il suo tappo, mettere il lievito in frigo… e panificare!

lievito madre giorno 14

Io ho fatto la pizza, ma qui devo migliorare,per cui per adesso aspetto a suggerirvi la ricetta, e il pane, che ho adorato!

La ricetta per pane integrale con lievito madre la trovate qui.

Adesso bisogna accudirlo comunque eh, non pensate che sia finita qui!

Quindi, potete conservare il lievito madre in frigo, in questo caso basta rinfrescarlo con le solite modalità ogni 6-7 giorni.

Se invece volete panificare più spesso potete tenerlo fuori, ma in questo caso rinfrescarlo ogni 3-4 giorni!

Con l’esubero potete invece creare dei pancake super soffici…. Qui per la ricetta!

È un lavoro lungo, che va portato avanti con pazienza, ma vi assicuro che ne vale totalmente la pena!

La soddisfazione di farci il pane è unica, la digeribilità e la sofficità indescrivibili!

pane integrale con lievito madre

Che ne dite partite per l’avventura di #quelledellievitomadre?!

Aspetto le vostre foto!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *